I 7 KPI di vendita al dettaglio da considerare

18 giugno 2022 / per Cerdá Group

L' industria del retail è una delle più competitive che esistono oggi e, a causa dei costanti cambiamenti nelle abitudini dei consumatori e le nuove tecnologie che emergono continuamente, gli imprenditori devono essere attenti, agili e adattarsi alle nuove esigenze o aspettative che sorgono sul mercato.

La soddisfazione dei clienti è la chiave per far prosperare correttamente qualsiasi azienda e quindi le strategie dell'azienda devono essere sempre ben pianificate e orientate al miglioramento continuo per aumentare le vendite e la soddisfazione dei clienti. In questo modo si raggiungono gli obiettivi prefissati e si aumentano i profitti.

Uno dei punti essenziali a cui ogni azienda deve dare priorità è la selezione dei KPI delle vendite al dettaglio (Key Performance Indicators), in quanto la scelta di quelli più appropriati per ogni azienda consente di creare e attuare le azioni di miglioramento più opportune per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Ogni azienda è unica e diversa, con le proprie esigenze e punti di forza da evidenziare. Pertanto, prima di selezionare i KIP da seguire, è necessario fare una buona analisi dell'azienda stessa per orientarsi correttamente verso gli obiettivi reali che possono essere raggiunti.

Noi di Cerdá, qui di seguito, ti spieghiamo quali sono i principali KPI di vendita al dettaglio che devi prendere in considerazione. Avanti!

New Call-to-action

 

1.Le Venditi

Senza dubbio, questo è il principale KIP di vendita al dettaglio e il più importante. Perché, come tutti sappiamo, senza vendite non c'è profitto e senza profitti non c'è business.


Tenere il passo con le vendite, stabilire categorie, conoscere quali sono le categorie più vendute, quelle meno e quelle più adatte alle esigenze dei consumatori… Tutto ciò è essenziale per poter concentrare gli sforzi del business ad aumentare i profitti ottenuti.

Potrebbe interessarti: Aumenta fino al 30% le tue vendite

 

2. Footfall 

Uno dei principali e più importanti KIP di vendita al dettaglio è il footfall, chiamato anche traffico in negozio. Con esso è possibile misurare il volume di clienti che sono stati nello stabilimento, che siano stati acquirenti o meno. Inoltre, questo misuratore consente non solo di conoscere il volume di visite e acquisti mensili, trimestrali, semestrali o annuali, ma offre anche la possibilità di confrontare l'evoluzione del business in diversi anni, tutti quelli di cui si è a conoscenza.

Una buona strategia per poter applicare il footfall è il wifi tracking retail, che consiste nell'offrire wifi gratuito ai clienti che accedono al negozio fisico. È semplicissimo.

Oggi siamo tutti connessi, quindi offrire il wifi gratuito aumenta la soddisfazione dei clienti e per l'azienda è senza dubbio un'occasione d'oro per conoscere il profilo dei consumatori.

I clienti accedono al negozio e si connettono al wifi dello stesso attraverso i loro social network o tramite un modulo e, da quel momento, l'azienda è connessa con l'utente, permettendogli di conoscere quali sono i suoi gusti, le sue preferenze, le sue esigenze e, anche, aprendo la possibilità di offrire sconti o promozioni.

kpis_ventas

3. Biglietto medio

Un altro grande KPI imprescindibile è il monitoraggio del biglietto medio. Il biglietto medio si riferisce al valore medio di tutti i biglietti che sono stati venduti nel negozio durante un determinato periodo di tempo, fornendo molte informazioni di grande interesse, poiché consente di sapere quanto il consumatore spende in media nel negozio.


Conoscendo qual è il biglietto medio del business si possono pianificare o correggere le strategie attive, sia incrementando i prodotti in vendita, sia migliorando l'attenzione al cliente.

4.Tasso di conversione

Per aumentare le vendite al dettaglio è essenziale conoscere il tasso di conversione. Con esso possiamo sapere qual è la % dei clienti che entrano nel nostro business e acquistano. E, a sua volta, qual è la percentuale che perdiamo.

La misurazione del tasso di conversione può essere effettuata in tempi diversi e consente di reindirizzare le strategie verso le zone calde, lo stock…

Potrebbe interessarti: Sei un distributore? Cerdá ti aiuta ad aumentare il fatturato!

5.Rotazione dell'inventario

Anche la rotazione dell'inventario è essenziale per il raggiungimento degli obiettivi fissati dall'azienda.

Con essa possiamo stabilire quante volte un prodotto è stato venduto in un anno, quindi è molto più facile individuare quali sono i prodotti di punta e quali no.

Con i dati in mano si possono prendere le decisioni più precise e concrete in ogni momento, sia implementarne altre che modificare quelle esistenti, per migliorare il volume delle vendite, aumentarle e raggiungere gli obiettivi.

kpis_relevantes_ventas

6. Visual merchandising

La buona immagine è essenziale e trasmetterla ai consumatori è una priorità. Come farlo? Ci sono molte strategie per riuscirci, ma l'ideale è le caratteristiche della nostra azienda e del nostro pubblico e orientarsi in tal senso.

La presentazione che offriamo ai clienti è molto importante, perché deve essere attraente e catturare l'attenzione delle persone. Le opportunità di vendita aumenteranno se si considerano aspetti come la pulizia, l'ordine, l'illuminazione del locale, la collocazione dei prodotti…

7.La soddisfazione dei clienti

Infine, va sottolineata l'importanza di questo KIP di vendita al dettaglio. Il cliente è senza dubbio la base del nostro business.

Con questo indicatore, la soddisfazione dei clienti può essere misurata in modo concreto e diretto, attraverso sondaggi o moduli compilati da loro stessi. Il Net Promoter Score (NPS) è di solito l'indicatore più utilizzato.

Quindi ora lo sai! Se vuoi aumentare le tue vendite al dettaglio non puoi smettere di usare questi KIP che ti abbiamo spiegato. Ma, naturalmente, ce ne sono altri che potrebbero anche favorire il miglioramento della tua attività.

Noi di Cerdá siamo qui per aiutarti a farlo, quindi non esitare a contattarci e inizia a vedere i tuoi profitti aumentare!

New Call-to-action